Disturbi d'Ansia

Come curare gli attacchi di panico

Come curare gli attacchi di panico; cure e trattamenti

Chi soffre di attacchi di panico o in generale ha reazioni ansiogene esagerate rispetto al reale pericolo, cerca delle cure e dei trattamenti che siano veloci e con un risultato a lungo termine. Con l’avvento di internet, esistono tanti “esperti” che propongono con assoluta certezza delle cure per gli attacchi di panico, che possiamo sarcasticamente definire “miracolose illusioni”.

Sono infatti molte le persone non autorizzare, (in quanto vi è un abuso della professione medica/psicologica) che approfittano di chi soffre di qualche forma di disagio psichico, per speculare e lucrare senza alcuna morale e senza alcuna finalità di cura.

E’ importante (ci teniamo a sottolinearlo), per chi soffre di attacchi di panico o in generale di disturbi d’ansia nelle diverse forme specifiche, rivolgersi a un esperto che possiede i titoli legali per esercitare trattamenti e cure. Come si può facilmente vedere su internet i professionisti legalmente autorizzati, pubblicano il loro percorso di studi, l’iscrizione all’albo professionale di appartenenza (si può verificare inserendo il numero nel sito degli Psicologi), i recapiti di contatto e la sede operativa, dove è possibile rivolgersi di persona.

Come curare gli attacchi di panico

Al contrario “gli esperti” abusivi per vendere i loro rimedi e le loro metodologie terapeutiche e per non essere perseguitati legalmente, registrano il loro sito e la loro residenza all’estero, continuando in questo modo a esercitare illegalmente e a non rispondere di eventuali danni o risarcimenti.

Chi è iscritto all’albo professionale, al contrario ha sostenuto un esame di stato (il quale garantisce la legalità e le conoscenze metodologiche), ha stipulato un contratto assicurativo e risponde direttamente degli eventuali comportamenti che non rispettano il codice penale o il codice deontologico della propria professione. Inoltre, chi non possiede l’autorizzazione a intervenire per la cura e il trattamento degli attacchi di panico, sicuramente non avrà molto interesse a risolvere il vostro problema e nella maggior parte dei casi peggiorerà la vostra sintomatologia (rendendovi responsabili del fallimento).

A chi rivolgersi se si soffre di attacchi di panico?

Come curare gli attacchi di panico

I professionisti che possono aiutarti a risolvere gli attacchi di panico sono unicamente:

  • Lo Psicologo/Psicoterapeuta
  • Lo Psichiatra

Tutte le altre figure, mental coach, counselor, guaritori, maghi, sacerdoti o altre figure, non sono e non sanno intervenire sulle dinamiche latenti che sottendono gli attacchi di panico e quindi non possono aiutare la persona,(sarà già un ottimo successo se non aggravano il quadro clinico).

L’intervento dello Psicologo per la cura del panico

Lo Psicologo interviene per aiutare il paziente che soffre di attacchi di panico con diverse tecniche cognitivo comportamentali o di altro orientamento teorico, validate scientificamente. Molti clinici di matrice cognitiva, aiutano il paziente a prendere consapevolezza della paura dell’attacco di panico, o meglio aiutato il paziente a “non aver paura della paura.”

Lo psicologo attraverso un ascolto individualizzato consente la presa di consapevolezza, aiuta il paziente, attraverso tecniche specifiche ad affrontare e superare l’ansia, a bloccare i meccanismi che la determinano inconsapevolmente. L’ansia e gli attacchi di panico possono essere il risultato di qualcosa che nella nostra vita non va, che evitiamo di affrontare, che cerchiamo di “non vedere”.

Se si rifiuta o si soffoca un’emozione, essa in qualche modo si manifesterà

L’ansia o il suo estremismo che si trasforma in panico, può essere dovuta a meccanismi di pensiero e di comportamento che per evitare l’attacco di panico, in realtà, inconsapevolmente lo alimentano.

Lo Psicologo interviene proprio su queste dinamiche, destrutturando pensieri negativi e comportamenti a essi correlati, con modi di pensare e comportarsi, che consentono di sconfiggere l’ansia e attenuare il disturbo da panico.

Molto spesso, quando si è vittima di attacchi di panico e si rivolge al proprio medico di base, il medico minimizza il problema, (è stato solo un attacco di panico, prenda queste gocce), lo considera come qualcosa di passeggero e di scarsa importanza clinica. In molti casi, può succedere che l’episodio resti un’esperienza unica, mentre in altri, la persona inizia ad aver paura che possa manifestarsi nuovamente, alimentando la sua realizzazione.

 

Chi soffre di attacchi di panico e chiede una consulenza a un esperto, sa bene cosa significa “sentirsi morire”, o percepire che si sta “impazzendo”, sentirsi un nodo alla gola, insieme a tutti gli altri sintomi specifici dell’attacco di panico. Chi ne soffre è consapevole che il problema è importante, deleterio, sofferente e difficile da curare. Come abbiamo detto, gli unici professionisti che possono intervenire per il trattamento e la cura degli attacchi di panico sono lo Psicologo e lo Psichiatra.

L’intervento dello Psichiatra per la cura del panico

Lo Psichiatra a differenza dello Psicologo può somministrare farmaci ansiolitici che consentono di attenuare il sintomo, questo diventa importante solo se la sintomatologia è cosi forte da non consentire al paziente di vivere, di uscire da casa, di apprendere nuove tecniche, di lavorare sulle proprie dinamiche.

Sconsigliamo apertamente l’assunzione di farmaci ansiolitici se i sintomi non sono di grande intensità, perché ricordiamo il farmaco, non elimina il problema o risolve la causa degli attacchi di panico, ma minimizza la manifestazione sintomatica.

Come superare gli attacchi di panico

Come abbiamo accennato, gli attacchi di panico sono degli episodi che apparentemente sopraggiungono senza alcun preavviso, offrendo una sensazione di estrema paura, di morte, di destabilizzazione psicologica, associata a sintomi fisici evidenti e collegati all’idea dell’infarto.

La prima cosa da fare se si riconosce che si soffre di attacchi di panico e chiede una consulenza a un professionista, Psicologo Clinico o Psichiatra o semplicemente parlarne con il proprio medico di base, il quale potrà consigliarvi qualche esperto dell’ambito psicopatologico.

La consulenza di un esperto è fondamentale, perché il panico in molti casi non è in risultato di un evento esterno che lo causa, ma di pensieri interni che la persona inconsapevolmente mette in atto, determinandolo. Lo Psicologo in questo caso vi aiuterà a fare chiarezza su questi pensieri latenti che alimentano il disturbo, aiutandovi a sostituirli con altri che lo eliminano.

Il percorso terapeutico sarà basato anche sull’acquisizione di tecniche comportamentali che consentono di rilassarvi durante l’episodio, imparando a gestire l’attacco di panico, inoltre si provvederà ad affrontare il panico stesso, per superarlo.

Disturbo di panico: come comportarsi

Come curare gli attacchi di panico

Per affrontare l’attacco di panico, la “paura della paura”, si dovrà intervenire per bloccare anche i comportamenti che la persona ha messo in atto per tutelarsi da panico, ossia l’evitamento delle situazioni che possono manifestarlo.  Chi soffre di attacchi di panico ha imparato molto bene (in modo disfunzionale) a organizzarsi la vita evitando situazioni o esperienze che crede possano causare l’attacco di panico, limitando notevolmente la propria vita e alimentando in tal modo il disturbo da panico.

Ogni volta si evita di affrontare una paura, la paura è alimentata

Lavorare quindi sul contro – evitamento, aiutare la persona a guardare in faccia il “nemico”, insieme ad altre tecniche, può in molti casi debellare o eliminare del tutto il panico, senza necessariamente ricorrere all’assunzione di psicofarmaci.

Ci teniamo a sottolineare che ogni persona va trattata in seguito a un’analisi globale della sua situazione, creando un intervento che possa tener presente le risorse disponibili e quelle da potenziare.

L’utilizzo dei farmaci sarà consigliato solo a seguito di una valutazione sintomatica che evidenzia l’impossibilità di un intervento psicologico. Infatti se il disturbo di panico ha grandi intensità da non consentire al paziente di uscire da casa, di recarsi presso lo studio professionale, di eseguire gli esercizi terapeuti o di creare una relazione terapeutica, è opportuna la collaborazione con un Medico-Psichiatra che valuterà l’eventuale cura farmacologica da associare. In tal caso l’associazione tra terapia psicologica (per acquisire tecniche, cambiare il pensiero ecc.) e la cura farmacologica (per attenuare i sintomi, creare equilibrio mentale ecc.) diventa necessaria.

Come curare gli attacchi di panico: conclusioni

Gli attacchi di panico sono deleteri per la persona che ne soffre, spesso chi non conosce il problema tende a sottovalutare e minimizzare la sofferenza. Sono molti i pazienti che non si sentono capiti, che ricevono dai propri famigliari o amici delle frasi di colpevolizzazione indiretta (sei tu che non sei capace di affrontare la vita), manifestando solo una scarsa conoscenza del disturbo.

Se da un lato il disturbo da panico si configura come un disturbo che richiede interventi specialistici, se allo stesso tempo il problema non è compreso dalle persone comuni e quindi si tende a etichettare chi ne soffre come “fragile”, è importante ricordare che dal disturbo da panico si può guarire.

La speranza, la fiducia verso il cambiamento, la resilienza e la voglia di combattere, sono requisiti fondamentali per ogni persona che intende migliorarsi, mettendo in discussione modalità di pensiero e di comportamento acquisite negli anni, perché ricordiamo solo chi riesce a cambiare, ad adattarsi, a rinascere dalle difficoltà, riesce a vivere veramente (e non a sopravvivere).

Come curare gli attacchi di panico

In quest’articolo abbiamo velocemente accennato i sintomi che gli attacchi di panico offrono durante la loro manifestazione, abbiamo sottolineato i pensieri dominanti, abbiamo descritto i comportamenti di evitamento che allo stesso tempo enfatizzano le paure, cercando in qualche modo di offrire una visione quantistica della complessità del disturbo da panico.

Non amiamo essere ripetitivi ma ci teniamo a trattare con estrema attenzione chi si rivolge a noi, per questo ricordiamo che ogni situazione, non può essere generalizzata, ma necessita di una consulenza individualizzata.

Come curare gli attacchi di panico

Potrebbe interessarti anche: L’ansia come curarla – Come superare l’ansia opinioni – 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *